sei qui: HOME→ Bandi e finanziamenti

INVITO A PRESENTARE PROPOSTE DAPHNE III ACTION GRANTS 2012

Il Programma Daphne III (2007-2013), quale parte integrante del Programma generale "Diritti fondamentali e giustizia", intende contribuire alla prevenzione e alla lotta alla violenza contro i bambini i giovani, le donne e proteggere le vittime ed i gruppi a rischio.
Attenzione! questo bando è scaduto il 29/03/2012
eu Justice

Programma:
Giustizia e Affari Interni - DAPHNE III

Scadenze:

  • 29/03/2012
    h 12:00 CET



Descrizione:
Il Programma Daphne III (2007-2013), quale parte integrante del Programma generale "Diritti fondamentali e giustizia', intende contribuire alla prevenzione e alla lotta alla violenza contro i bambini i giovani, le donne e proteggere le vittime ed i gruppi a rischio. Il presente invito si basa sui programmi di lavoro annuali per il 2011 e 2012 e combina le priorità e le risorse disponibili per entrambi gli anni.

Obiettivi:
I progetti nell'ambito del presente invito a presentare proposte si concentrano sulle seguenti priorità annuali:
• diritti delle vittime di violenza
• violenza legata a pratiche dannose
• bambini come vittime e autori di violenza
• programmi e interventi di prevenzione
• programmi di formazione per i professionisti che operano con le vittime di violenza
• responsabilizzazione a livello base
• violenza nei media, in particolare la violenza legata alle nuove tecnologie e agli strumenti di social networking

Attività:
Diritti delle vittime di violenza: i progetti devono prevedere la realizzazione di servizi di supporto specializzati (ad esempio linee di assistenza telefonica, servizi di consulenza, centri di riferimento per le vittime di stupro e violenza sessuale...) e lo sviluppo delle migliori pratiche per la realizzazione e il funzionamento di tali servizi specializzati con copertura nazionale;
Violenza legata a pratiche dannose: progetti volti a combattere e a prevenire la violenza collegata a pratiche dannose nei confronti delle donne, dei giovani e dei bambini (ad esempio la mutilazione genitale femminile, matrimonio combinato...); azioni di sensibilizzazione mirate,
formazione specialistica di professionisti, nonché promozione del dialogo all'interno della comunità;
Bambini come vittime e autori di violenza: i progetti devono affrontare i problemi dei bambini più vulnerabili, come i minori non accompagnati,le vittime di sfruttamento sessuale, i disabili, i bambini rom, i bambini vittime di violenza all'interno della famiglia (da fratelli, genitori, altri parenti) ...
Programmi e interventi di prevenzione: i progetti dovrebbero individuare le migliori pratiche e standard minimi nel campo della prevenzione (per le scuole elementari, la prevenzione secondaria e terziaria). Inoltre, la Commissione finanzierà progetti volti a realizzare nuovi programmi e a progettare nuovi interventi, tra cui programmi specifici per coloro che abusano dei bambini e di chi fa uso di immagini pedo-pornografiche, nonché programmi volti a raggiungere persone a rischio di commettere violenza sessuale
Programmi di formazione per i professionisti che operano con le vittime di violenza: la Commissione intende sostenere progetti che prevedano anche la creazione di manuali e protocolli per i professionisti in contatto con le vittime (polizia, tribunali, assistenti sociali, personale sanitario) o persone specializzate che lavorano nel campo del sostegno alle vittime
Responsabilizzazione a livello base: i progetti dovrebbero realizzare programmi di sensibilizzazione a livello base per le donne, i bambini, i giovani per proteggere se stessi e i loro coetanei dalla violenza. Questi programmi potrebbero includere specificamente attività di formazione, consulenza, gruppi di supporto formali ed informali e idee innovative volte allo sviluppo di un ambiente maggiormente protetto per i bambini, i giovani e le donne
Violenza nei media, in particolare la violenza legata alle nuove tecnologie e agli strumenti di social networking: programmi mirati alla formazione e ad attività volte ad aumentare nei bambini, nei giovani e nelle donne, la comprensione degli effetti potenzialmente negativi delle nuove tecnologie ed educarli sui rischi e sulle possibili soluzioni, con l'obiettivo di garantire loro benessere e sicurezza

Beneficiari:
I candidati ed i partner devono:
• essere organizzazioni pubbliche o private e istituzioni legalmente costituite (organizzazioni non governative, autorità regionali e locali, dipartimenti universitari e centri di ricerca).
• appartenere ad uno dei 27 Stati membri dell'Unione europea e / o degli Stati EFTA, o che hanno sottoscritto l'accordo SEE (Islanda, Liechtenstein e Norvegia)
Gli enti e le organizzazioni senza scopo di lucro possono accedere alle sovvenzioni soltanto come partner
Le domande presentate da persone fisiche (privati) non sono ammissibili.
Nell'ambito del presente invito DAPHNE III gli enti pubblici a livello nazionale/ a livello centrale (ovvero i ministeri a livello centrale) non sono ammissibili

Importo disponibile:
L’importo indicativo è di 25 831 000 €

Modalità di partecipazione:
Sarà data priorità assoluta a progetti costruiti su larga scala e realizzati su un ampio partenariato che coinvolge organizzazioni provenienti da un numero significativo di Stati membri
Nello specifico, i progetti richiedono una partnership composta da un minimo di 2 organizzazioni di due diversi Stati membri e non può avere una durata iniziale superiore a 24 mesi.
Se il richiedente/partner è uno Stato membro EFTA/SEE, il progetto deve coinvolgere, in aggiunta, almeno due organizzazioni di due diversi Stati membri dell'UE.
I progetti devono essere avviati dopo la notifica della sovvenzione (indicativamente almeno 4 (quattro) mesi dopo la scadenza del presente invito).
Il cofinanziamento dell'UE non può superare l'80% del totale dei costi ammissibili del progetto e non saranno presi in considerazione i progetti che richiedono una sovvenzione inferiore a 75,000 €

Le domanda di sovvenzione devono essere sottoposte attraverso il sistema elettronico Priamos
 entro e non oltre il 29 marzo 2012, h 12:00 CET

Per ulteriori informazioni è possibile inviare le domande all'indirizzo email JUST-DAPHNE@ec.europa.eu

Testo integrale dell'invito e documentazione


(02/02/2012)